La scoperta dell’america – XV – Cesare Pascarella


Eppure er mare… er mare, quann’è bello,
Che vedi quel’azzurro der turchino,
Che te ce sdraji longo lì vicino,
Te s’apre er core come ‘no sportello.

Che dilizia! Sentì quer ventarello
Salato, quer freschetto fino fino
Dell’onne, che le move er ponentino,
Che pare stieno a fà nisconnarello!

Eppure… sotto a tutto quer celeste,
Ma, dico, dimme un po’, chi lo direbbe
Che ce cóveno sotto le tempeste?

Cusì uno, finché non ce s’avvezza,
Che te credi che lui ce penserebbe
Si fino a dove arriva la grannezza?

 

Aggiungi un commento