La scoperta dell’America – XXI – Cesare Pascarella


E io ne la mia piccola ignoranza
Me c’investo. Fa tutto quer cammino:
Arrivà in arto mare: arrivà insino…
Insino… a quela straccio de distanza,

E védete la morte in lontananza;
Volé vive, e sentitte lì vicino,
Ne l’orecchie, la voce der destino
Che te dice: lassate ‘gni speranza!

Ma pensa quer che deve avé sofferto
Quell’omo, immassimato in quer pensiero,
De dì: – La terra c’è… Si…! Ne sò certo…-

E lì, sur punto d’essece arrivato,
Esse certo, percristo, ch’era vero,
E dové dì: va be’, me sò sbajato.

 

Aggiungi un commento