I Silvii secondo sant’Agostino (La città di Dio)


20. Mentre nei paesi menzionati regnavano i medesimi sovrani, il regno d’Israele, terminata l’epoca dei Giudici, ebbe inizio col re Saul e Samuele era il profeta 49. Da quel tempo cominciarono a regnare i re del Lazio che soprannominavano i Silvii, perché avevano cominciato a regnare col figlio di Enea che per primo fu chiamato Silvio. A quelli che seguirono furono imposti altri nomi, ma non venne meno il soprannome 50, come molto tempo dopo furono soprannominati Cesari i successori di Cesare Augusto. Dopo la destituzione di Saul, per cui non si ebbe più un re della sua tribù, alla sua morte seguì nel regno Davide dopo quarant’anni del dominio di Saul. In quel tempo gli Ateniesi, dopo la uccisione di Codro, cessarono dall’avere un re e cominciarono, per l’amministrazione dello Stato, ad avere dei magistrati. Dopo Davide che, anche egli, regnò quarant’anni 51, fu re d’Israele il figlio Salomone, il quale fece costruire il meraviglioso tempio di Dio a Gerusalemme. Durante il suo regno nel Lazio fu fondata Alba. E da essa in seguito si cominciò a denominare i re di Alba, non più del Lazio, sebbene anche essa sia nel Lazio. A Salomone successe il figlio Roboamo, sotto il quale il popolo d’Israele fu diviso in due regni e i due Stati cominciarono ad avere un proprio re 52.

Agostino – La città di Dio

 

Aggiungi un commento