La peracottara – Sonetto del Belli


Pubblichiamo “La peracottara“, un sonetto scritto dal Belli nel 1830 e contenuto in “De peppe er tosto“. Si tratta di una fantasticheria sboccatamente erotica su una peracottara, una venditrice di pere al forno descritta dal Belli come “pasciocca”, che significa all’incirca bella e formosa.

Il sonetto contiene numerose espressioni dialettali, “mmommone” vuol dire “caso mai or ora”. “Ingrufalla” è termine osceno ben comprensibile dal contesto. La “pulenta” è invece la “gonorrea”. “Delarocca” è invece un medico del tempo…”

Come sempre, buona lettura!

La peracottara – Gioacchino Belli

Sto a ffà la caccia, caso che mmommone
Passassi pe dde cqua cquela pasciocca,
Che vva strillanno co ttanta de bbocca:
Sò ccanniti le pera cotte bbone.

Ché la voría schiaffà ddrento a ’n portone
E ppo’ ingrufalla indove tocca, tocca;
Sibbè che mm’abbi ditto Delarocca,
C’ho la pulenta e mmó mme viè un tincone.

Lei l’attaccò ll’antr’anno a ccinqu’o ssei?
Dunque che cc’è dde male si cquest’anno
Se trova puro chi ll’attacca a llei?

Le cose de sto monno accusí vvanno.
Chi ccasca casca: si cce sei sce sei.
Alegria! chi sse scortica su’ danno.

Roma, 14 settembre 1830

 

Aggiungi un commento