Belli – ER CIÀNCICO


Postiamo Er Ciancico, una di quelle poesie del Belli che potrebbe esser stata scritta ieri sera (invece è del 1830). “Ciancicare” è verbo che usiamo ancora oggi nel senso di masticare. Quasi scomparso invece nel senso di “mangiare a scrocco”, che è il modo in cui viene inteso in questo sonetto.

A Roma è tantissima la gente che vive sulle spalle degli altri, non solo “er Papa” o “er Zagratario”, ma tutti, come scrive Belli: “dar piú mmerda ar majorengo“.

Si tratta di uno dei problemi che la città si porta dietro, come testimonia anche questo sonetto, da secoli.

A ddà rretta a le sciarle der Governo,
Ar Monte nun c’è mmai mezzo bbaiocco.
Je vienissi accusí, sarvo me tocco,
Un furmine pe ffodera d’inverno!

E accusí Ccristo me mannassi un terno,
Quante ggente sce campeno a lo scrocco:
Cose, Madonna, d’agguantà un batocco
E ddajje in culo sin ch’inferno è inferno.

Cqua mmaggna er Papa, maggna er Zagratario
De Stato, e cquer d’Abbrevi e ’r Cammerlengo,
E ’r Tesoriere, e’ r Cardinal Datario.

Cqua ’ggni prelato c’ha la bbocca, maggna:
Cqua… inzomma dar piú mmerda ar majorengo
Strozzeno tutti-quanti a sta cuccaggna.

27 novembre 1830

 

Aggiungi un commento