A NNINA – Giuseppe Gioacchino Belli


Pubblichiamo un altro sonetto del Belli A NNINA. Il sonetto è del 7 settembre 1831. Le donne hanno sicuramente un ruolo di primo piano nella produzione poetica del Belli, entrano in molte delle sue poesie, in vari modi. Questo sonetto, come A TTETA per esempio, è molto esplicito nel descrivere la bellezza di Nina.

Come in molti altri sonetti anche in A NNINA è presente un richiamo, quasi sempre almeno “ironico”, alla religione. In questo le “du’ bocce” e il “culiseo” di Nina farebbero diventare un cristiano “scribba e ffariseo”.

Come sempre se avete delle notizie particolari su una di queste poesie, anche solo delle curiosità o delle specifiche, segnalatele dei commenti, son sempre le benvenute…

Buona lettura!

A NNINA

Tra ll’antre tu’ cosette che un cristiano
Ce se farebbe scribba e ffariseo,
Tienghi, Nina, du’ bbocce e un culiseo,
Propio da guarní er letto ar Gran Zurtano

A cchiappe e zzinne, manco in ner moseo
Sc’è rrobba che tte pò arrubbà la mano;
Ché ttu, ssenz’agguantajje er palandrano,
Sce fascevi appizzà Ggiuseppebbreo.

Io sce vorrebbe franca ’na scinquina
Che nn’addrizzi ppiú ttu ccor fà l’occhietto,
Che ll’antre cor mostrà la passerina.

Lo so ppe mmé, cche ppe ttrovà l’uscello,
S’ho da pisscià, cciaccènno er moccoletto:
E lo vedessi mó, ppare un pistello!

 

Aggiungi un commento