Belli – Er governo de li ggiacubbini


Er governo de li ggiacubbini è una satira feroce alle opinioni del massa che tratta i “ggiacubbini” (i giacobini) come feroci banditi. Il sonetto, scritto da Giuseppe Gioacchino Belli è del 1834

— Iddio ne guardi, Iddio ne guardi, Checca,

Toccassi a ccommannà a li ggiacubbini:

Vederessi una razza d’assassini

Peggio assai de li Turchi de la Mecca.

Pe’ aringrassasse la panzaccia secca,

Assetata e affamata de quadrini,

Vederessi mannà cco’ li facchini

Li càlisci de Ddio tutti a la zecca.

Vederessi sta manica de ladri

Raschià ddrent’a le Chiese der Ziggnore

L’oro da le cornisce de li quadri.

Vederessi strappà senza rosore
Li fijji da le bbraccia de li padri,

Che ssaria mejjo de strappàjje er core.

 

Aggiungi un commento