Barcarola trasteverina – Romolo Balzani


Barcarola Romana di Romolo Balzani

Pescatore che soffri e confonni
tante pene che tenghi ner core,
tu ’sta notte fra tanto chiarore
t’annisconni lontano de qui.
Cerchi solo ‘n pochetto de pace,
‘n’angoletto de fiume sicuro,
pe’ sta’ solo e tranquillo a lo scuro
su la barca a cullatte così.
Nun soffrì, quanno tutto è ‘n’incanto
guarda er fiume c’invita a sognà.
Oggi è festa e Trastevere canta.
Su ritorna tu puro a cantà.
Pescatò rema ancora, viè avanti,
senti er vento mo’ s’arza a ponente
pia li remi e viè giù pe’ corrente;
scorda tutto e ritorna quaggiù.
Nun soffrì, nun penà, ridi e canta,
la canzona che pare ‘n gioiello
t’accompagna e te culla er battello
mentre l’eco se perde lassù.
Nun soffrì quanno tutto è ‘n’incanto
guarda er fiume c’invita a sognà.
Oggi è festa e Trastevere canta.
Su ritorna tu puro a cantà.

 

Aggiungi un commento