Belli – Sonetti – L’uffizzio der bollo


Sonetto di Giuseppe Gioacchino Belli scritto il 17 febbraio 1833.

Presa a Ppiazza de Ssciarra la scipolla

Dall’ortolano, e, llì accanto, er presciutto,

Le paggnottelle e ’r pavolo de strutto,

Annavo a ffa’ bbollà la fede a Ttolla (Anatolia);

Quanto m’accosto a un omettino assciutto,

Che stava a ppijjà er Cràcas (il “diario di Roma” – Storpiatura del nome dell’editore) tra la folla:

— Faccia de grazzia, indov’è cche sse bbolla (significa anche “rubare”)?
—
— Eh, a Rroma, nu’ lo sai?, (disce): pe ttutto —.

Doppo, ridenno, m’inzeggnò ll’uffizzio.

Ma ttratanto capischi che ffaccenna?

Che stoccatella a nnostro preggiudizzio?

Ma ssai cche jje diss’io? — Sor coso, intenna,

Ch’è vvero che li preti hanno sto vizzio,

Ma cquer tutti lo lassi in de la penna. —

 

Aggiungi un commento