Filmografia di Alberto Sordi



Pubblichiamo la lunga filmografia di Alberto Sordi che oltre ad essere stato un amatissimo attore ha diretto e sceneggiato numerosi film sia per il cinema che per la televisione. Basta scorrere velocemente questa filmografia per accorgersi di come “Albertone” abbia lavorato ad alcuni dei film più importanti del cinema italiano. Da Fellini a De Sica, da Risi a Monicelli molti dei migliori registi italiani hanno diretto Alberto Sordi.
Abbiamo inserito a fine articolo anche i film doppiati da Alberto Sordi:

▪ Scipione l’africano, regia di Carmine Gallone (1937)
▪ Il feroce Saladino, regia di Mario Bonnard (1937)
▪ La principessa Tarakanova, regia di Mario Soldati (1938)
▪ La notte delle beffe, regia di Carlo Campogalliani (1939)
▪ Cuori nella tormenta, regia di Carlo Campogalliani (1940) (doppiato da Gualtiero De Angelis)
▪ Le signorine della villa accanto, regia di Gian Paolo Rosmino (1941)
▪ Giarabub, regia di Goffredo Alessandrini (1942)
▪ La signorina, regia di László Kish (1942)
▪ I tre aquilotti, regia di Mario Mattoli (1942)
▪ Casanova farebbe così!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
▪ Sant’Elena, piccola isola, regia di Renato Simoni e Umberto Scarpelli (1943)
▪ Chi l’ha visto?, regia di Goffredo Alessandrini (1943)
▪ Tre ragazze cercano marito, regia di Duilio Coletti (1944)
▪ Circo equestre Za-bum (episodio Galop finale al circo), regia di Mario Mattoli (1944)
▪ L’innocente Casimiro, regia di Carlo Campogalliani (1945)
▪ Le miserie del signor Travet, regia di Mario Soldati (1945)
▪ Il Passatore, regia di Duilio Coletti (1946) (doppiato da Carlo Romano)
▪ Il delitto di Giovanni Episcopo, regia di Alberto Lattuada (1947)
▪ Il vento m’ha cantato una canzone, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
▪ Che tempi!, regia di Giorgio Bianchi (1948)
▪ Sotto il sole di Roma, regia di Renato Castellani (1948)
▪ Mamma mia che impressione!, regia di Roberto Savarese (1951) (anche produzione, soggetto e sceneggiatura)
▪ Cameriera bella presenza offresi…, regia di Giorgio Pàstina (1951)
▪ Totò e i re di Roma, regia di Steno e Mario Monicelli (1951)
▪ È arrivato l’accordatore (Zero in amore), regia di Duilio Coletti (1952)
▪ Lo sceicco bianco, regia di Federico Fellini (1952)
▪ Giovinezza, regia di Giorgio Pàstina (1952)
▪ I vitelloni, regia di Federico Fellini (1953)
▪ Canzoni, canzoni, canzoni (episodio Io cerco la Titina), regia di Domenico Paolella (1953) (rieditato nel 1962, con sequenze aggiunte, col titolo Canzoni di ieri, canzoni di oggi, canzoni di domani)
▪ Ci troviamo in galleria, regia di Mauro Bolognini (1953) (voce)
▪ L’incantevole nemica, regia di Claudio Gora (1953) (voce)
▪ Due notti con Cleopatra, regia di Mario Mattoli (1953)
▪ Amori di mezzo secolo (episodio Dopoguerra 1920), regia di Mario Chiari (1953)
▪ Un giorno in pretura, regia di Steno (1953) (anche sceneggiatura)
▪ Tempi nostri (episodio Scusi, ma…), regia di Alessandro Blasetti (1954) (episodio mancante nella versione originaria del film, ritrovato e proiettato nel 2004)
▪ Il matrimonio, regia di Antonio Petrucci (1954)
▪ Via Padova 46, regia di Giorgio Bianchi (1954) (ritrovato nel 2003 e rieditato con il titolo Lo scocciatore)
▪ I quattro Bersaglieri (Tripoli bel suol d’amore), regia di Ferruccio Cerio (1954)
▪ Gran varietà (episodio Fregoli), regia di Domenico Paolella (1954)
▪ Allegro squadrone, regia di Paolo Moffa (1954)
▪ Il seduttore, regia di Franco Rossi (1954)
▪ Accadde al commissariato, regia di Giorgio Simonelli (1954)
▪ Una parigina a Roma, regia di Erich Kobler (1954)
▪ Un americano a Roma, regia di Steno (1954) (anche sceneggiatura)
▪ L’arte di arrangiarsi, regia di Luigi Zampa (1955)
▪ Faccia da mascalzone, regia di Raffaele Andreassi (1955)
▪ Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
▪ Buonanotte… avvocato!, regia di Giorgio Bianchi (1955) (sceneggiatura)
▪ Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)
▪ La bella di Roma, regia di Luigi Comencini (1955)
▪ Accadde al penitenziario, regia di Giorgio Bianchi (1955)
▪ Bravissimo, regia di Luigi Filippo D’Amico (1955)
▪ Piccola posta, regia di Steno (1955)
▪ Lo scapolo, regia di Antonio Pietrangeli (1955)
▪ I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (1955)
▪ Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo, regia di Mauro Bolognini (1956)
▪ Mio figlio Nerone, regia di Steno (1956)
▪ Mi permette, babbo!, regia di Mario Bonnard (1956)
▪ Era di venerdì 17, regia di Mario Soldati (1956)
▪ Arrivano i dollari!, regia di Mario Costa (1956)
▪ Souvenir d’Italie, regia di Antonio Pietrangeli (1957)
▪ Il conte Max, regia di Giorgio Bianchi (1957) (anche sceneggiatura)
▪ Addio alle armi (A Farewell to Arms), regia di Charles Vidor (1957)
▪ Il medico e lo stregone, regia di Mario Monicelli (1957)
▪ Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa (1957) (anche sceneggiatura)
▪ Il marito, regia di Nanni Loy e Gianni Puccini (1957) (anche soggetto e sceneggiatura)
▪ Fortunella, regia di Eduardo De Filippo (1958)
▪ Domenica è sempre domenica, regia di Camillo Mastrocinque (1958) (sceneggiatura)
▪ La vedova elettrica (Le septième ciel), regia di Raymond Bernard (1958)
▪ Venezia, la luna e tu, regia di Dino Risi (1958)
▪ Racconti d’estate, regia di Gianni Franciolini (1958) (anche sceneggiatura)
▪ Nella città l’inferno, regia di Renato Castellani (1958)
▪ Il giovane leone (Oh, que Mambo!), regia di John Berry (1959)
▪ Policarpo, ufficiale di scrittura, regia di Mario Soldati (1959) (apparizione)
▪ Il moralista, regia di Giorgio Bianchi (1959)
▪ I magliari, regia di Francesco Rosi (1959)
▪ Vacanze d’inverno, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
▪ Costa Azzurra, regia di Vittorio Sala (1959)
▪ La grande guerra, regia di Mario Monicelli (1959)
▪ Il vedovo, regia di Dino Risi (1959)
▪ Brevi amori a Palma di Majorca, regia di Giorgio Bianchi (1959)
▪ Gastone, regia di Mario Bonnard (1959)
▪ Tutti a casa, regia di Luigi Comencini (1960)
▪ Il vigile, regia di Luigi Zampa (1960)
▪ Crimen, regia di Mario Camerini (1960)
▪ I due nemici, regia di Guy Hamilton (1961)
▪ Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)
▪ Una vita difficile, regia di Dino Risi (1961)
▪ Il commissario, regia di Luigi Comencini (1962)
▪ Mafioso, regia di Alberto Lattuada (1962)
▪ Il diavolo, regia di Gian Luigi Polidoro (1962)
▪ Il boom, regia di Vittorio De Sica (1963)
▪ Il maestro di Vigevano, regia di Elio Petri (1963)
▪ Tentazioni proibite, regia di Osvaldo Civirani (1963) (apparizione)
▪ La mia signora, regia di Tinto Brass, Luigi Comencini e Mauro Bolognini (1964)
▪ Il disco volante, regia di Tinto Brass (1964)
▪ I tre volti (episodio Latin lover), regia di Franco Indovina (1964) (anche sceneggiatura)
▪ Quei temerari sulle macchine volanti (Those magnificent men in their flying machines, or: how I flew from London to Paris in 25 hours and 11 minutes), regia di Ken Annakin (1965)
▪ I complessi (episodio Guglielmo il dentone), regia di Luigi Filippo D’Amico, (1965) (anche soggetto e sceneggiatura)
▪ Thrilling (episodio L’autostrada del sole), regia di Carlo Lizzani (1965)
▪ Made in Italy (2º episodio del 2º capitolo, La famiglia), regia di Nanni Loy (1965)
▪ Fumo di Londra (1966) (anche regia)
▪ I nostri mariti (episodio Il marito di Roberta), regia di Luigi Filippo D’Amico (1966)
▪ Le fate (episodio Fata Marta), regia di Antonio Pietrangeli (1966)
▪ Scusi, lei è favorevole o contrario? (1966) (anche regia)
▪ Fumo di Londra (1966) (anche sceneggiatura)
▪ Le streghe (episodio Senso civico), regia di Mauro Bolognini (1967)
▪ Un italiano in America (1967) (anche regia)
▪ Il medico della mutua, regia di Luigi Zampa (1968)
▪ Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa?, regia di Ettore Scola (1968)
▪ Amore mio aiutami (1969) (anche regia e sceneggiatura)
▪ Nell’anno del Signore, regia di Luigi Magni (1969)
▪ Il prof. dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue, regia di Luciano Salce (1969)
▪ Contestazione generale (episodio Il prete), regia di Luigi Zampa (1970)
▪ Il presidente del Borgorosso Football Club, regia di Luigi Filippo D’Amico (1970) (anche sceneggiatura)
▪ Le coppie (episodi La camera, anche regia e sceneggiatura, e Il leone, regia di Vittorio De Sica) (1970)
▪ Detenuto in attesa di giudizio, regia di Nanni Loy (1971)
▪ Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata, regia di Luigi Zampa (1971)
▪ Lo scopone scientifico, regia di Luigi Comencini (1972)
▪ La più bella serata della mia vita, regia di Ettore Scola (1972)
▪ Roma, regia di Federico Fellini (1972) (apparizione non accreditata e in seguito tagliata al montaggio)
▪ Anastasia mio fratello, regia di Steno (1973) (anche sceneggiatura)
▪ Polvere di stelle (1973) (anche regia e sceneggiatura)
▪ Finché c’è guerra c’è speranza (1974) (anche regia e sceneggiatura)
▪ Di che segno sei? (episodio Il fuoco), regia di Sergio Corbucci (1975) (anche sceneggiatura)
▪ E Il Casanova di Fellini? regia di Gianfranco Angelucci e Liliana Betti (1975)
▪ Il comune senso del pudore (primo episodio) (1976) (anche soggetto e sceneggiatura)
▪ Quelle strane occasioni (episodio L’ascensore), regia di Luigi Comencini (1976)
▪ Un borghese piccolo piccolo, regia di Mario Monicelli (1977)
▪ I nuovi mostri (episodi Pronto Soccorso, Come una regina e L’elogio funebre), regia di Mario Monicelli, Dino Risi ed Ettore Scola (1977)
▪ Dove vai in vacanza? (episodio Le vacanze intelligenti) (1978) (anche regia e sceneggiatura)
▪ L’ingorgo, regia di Luigi Comencini (1978)
▪ Il testimone (Le témoin), regia di Jean-Pierre Mocky (1978) (anche sceneggiatura)
▪ Il malato immaginario, regia di Tonino Cervi (1979)
▪ Io e Caterina (1980) (anche regia e sceneggiatura)
▪ Il marchese del Grillo, regia di Mario Monicelli (1981)
▪ Io so che tu sai che io so (1982) (anche regia e sceneggiatura)
▪ In viaggio con papà (1982) (anche regia e sceneggiatura)
▪ Il tassinaro (1983) (anche soggetto e sceneggiatura)
▪ I bersaglieri (1983) regia di Corrado Prisco (corto)
▪ Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno, regia di Mario Monicelli (1984)
▪ Tutti dentro (1984) (anche soggetto e sceneggiatura)
▪ Sono un fenomeno paranormale, regia di Sergio Corbucci (1985)
▪ Troppo forte, regia di Carlo Verdone (1985) (anche sceneggiatura)
▪ Un tassinaro a New York (1987) (anche soggetto e sceneggiatura)
▪ Una botta di vita, regia di Enrico Oldoini (1988)
▪ I promessi sposi, regia di Salvatore Nocita (1989) (per la televisione)
▪ L’avaro, regia di Tonino Cervi (1990)
▪ In nome del popolo sovrano, regia di Luigi Magni (1990)
▪ Vacanze di Natale ’91, regia di Enrico Oldoini (1991) (anche soggetto e sceneggiatura)
▪ Assolto per aver commesso il fatto (1992) (anche soggetto e sceneggiatura)
▪ Nestore, l’ultima corsa (1994) (anche regia e sceneggiatura)
▪ Romanzo di un giovane povero, regia di Ettore Scola (1995)
▪ Incontri proibiti (1998) (anche soggetto e sceneggiatura) – Ripresentato nel 2002 con diverso montaggio e con il titolo Sposami papà

Doppiatore cinematografico

Film di Stanlio & Ollio (solo lungometraggi)
▪ Muraglie (Pardon Us), regia di James Parrott (1931) (voce di Oliver Hardy) allegato all’inizio de I due legionari (Beau Hunks)
▪ Il compagno B (Pack Up Your Troubles), regia di George Marshall e Raymond McCarey (1932) (voce di Oliver Hardy)
▪ Fra Diavolo (The Devil’s Brother), regia di Hal Roach e Charley Rogers (1933) (voce di Oliver Hardy)
▪ I figli del deserto (Sons of the Desert), regia di William A. Seiter (1933) (voce di Oliver Hardy)
▪ Nel paese delle meraviglie – Il Villaggio Incantato (Babes in Toyland – March of the Wooden Soldiers), regia di Gus Meins e Charley Rogers (1934) (voce di Oliver Hardy)
▪ La ragazza di Boemia – Noi siamo zingarelli (The Bohemian Girl), regia di James W. Horne e Charley Rogers (1936) (voce di Oliver Hardy)
▪ Avventura a Vallechiara (Swiss Miss), regia di John G. Blystone (1938) (voce di Oliver Hardy)
▪ Vent’anni dopo – Stanlio & Ollio teste dure (Block-Heads), regia di John G. Blystone (1938) (voce di Oliver Hardy)
▪ I diavoli volanti (The Flying Deuces), regia di A. Edward Sutherland (1939) (voce di Oliver Hardy)
▪ Noi siamo le colonne (A Chump at Oxford), regia di Alfred Goulding (1940) (voce di Oliver Hardy)
▪ C’era una volta un piccolo naviglio (Saps at Sea), regia di Gordon Douglas (1940) (voce di Oliver Hardy)
▪ Ciao amici! (Great Guns), regia di Monty Banks (1941) (voce di Oliver Hardy)
▪ Sim salà bim (A-Hauting We Will Go), regia di Alfred L. Werker (1942) (voce di Oliver Hardy) – il doppiaggio è andato perduto
▪ Il nemico ci ascolta (Air Raid Wardens), regia di Edward Sedgwick (1943) (voce di Oliver Hardy)
▪ Gli allegri imbroglioni (Jitterbugs), regia di Malcolm St. Clair (1943) (voce di Oliver Hardy)
▪ Atollo K (Atoll K – Utopia – Robinson Crusoeland), regia di Leo Joannon (1951) (voce di Oliver Hardy)
Altri film
▪ Casablanca, regia di Michael Curtiz (1942) (voce di Curt Bois)
▪ La valle del destino (The Valley of Decision), regia di Tay Garnett (1945) (voce di Preston Foster)
▪ Il bandito senza nome (Somewhere in the Night), regia di Joseph L. Mankiewicz (1946) (voce di Sheldon Leonard)
▪ La scala a chiocciola (The Spiral Staircase), regia di Robert Siodmak (1946) (voce di Gordon Oliver)
▪ Abbasso la ricchezza!, regia di Gennaro Righelli (1946) (voce di Vittorio Mottini)
▪ La vita è meravigliosa (It’s a Wonderful Life), regia di Frank Capra (1946) (voce dell’autista di taxi)
▪ La città del jazz (New Orleans), regia di Arthur Lubin (1947) (voce di Woody Herman)
▪ Perdutamente (Humoresque), regia di Jean Negulesco (1947) (voce di Craig Stevens)
▪ Il massacro di Fort Apache (Fort Apache), regia di John Ford (1948) (voce di Pedro Armendáriz)
▪ Ladri di biciclette, regia di Vittorio De Sica (1948) (voce del venditore di biciclette, attore non identificato)
▪ Il cervello di Frankenstein (Abbott and Costello Meet Frankenstein), regia di Charles Barton (1948) (voce di Charles Bradstreet)
▪ Domenica d’agosto, regia di Luciano Emmer (1949) (voce di Marcello Mastroianni)
▪ Cronaca di un amore, regia di Michelangelo Antonioni (1950) (voce di Franco Fabrizi)
▪ Prima comunione, regia di Alessandro Blasetti (1950) (voce fuori campo del narratore)
▪ I pinguini ci guardano, regia di Guido Leoni (1956) (voce fuori campo di un animale)

 

Aggiungi un commento