Er carzolaro ar caffè – Gioachino Belli


738. Er carzolaro ar caffè
Li grostini cor tè! Vvoi sete franco:

ebbè? cce vojjo li grostini, ca..o:

e li vojjo pe mmé e ppe sto regazzo;

e li vojjo de ppiú dde pane bbianco.
Io so cche ll’arte mia nu la strapazzo:

sto ar banchetto pe ttutti, e nnun j’amanco;

e nnun fo ccom’e vvoi, che ddrent’ar banco

stat’a mmette li conzoli in palazzo.
Scrive! Guardate llí cc’arifreddori!

Scrive! E ttratanto nun ze tiè dde vista

a cquer c’hanno bbisoggno l’aventori!
Che mme ne fotte de la vostra lista?!

Cuanno avevio pe scrive sti furori,

ve dovevio impiegà ppe ccomputista.

 

Aggiungi un commento