Com’ar mulo
sei parmi lontan dar culo – Gioachino Belli


Com’ar mulo
sei parmi lontan dar culo

Buggiarà er mejjo! Su la fin de ggiugno,

anzi propio in ner giorno de san Pietro,

su’ Eminenza me chiama tetro tetro,

e ddisce che jj’infili er cudicugno.
Bbè’, perché nun trovava pe dde dietro

er buscio a un manicone, cor un pugno

che, bbontà ssua, me scaricò in ner grugno,

me sfregnò er naso come fussi vetro.
Eppoi, de soprappiú, pe vvia c’un osso

j’indolí un pò’ er detino, sta marmotta

nun me fesce schiaffà ppuro in profosso?
Ah! sta razza de fijji de mignotta,

sta covata d’arpie de pelo rosso,

è ccome la padella: o ttigne, o scotta.

 

Aggiungi un commento