Er mistiere indiffiscile – Gioachino Belli


Er mistiere indiffiscile

Nun credessivo mai ch’er fasse prete,

e ddiventà pprelato e annà ppiú avanti,

sii faccenna da poveri iggnoranti

e abbastino le store e le pianete.
Va’ li Sommi Pontescifi: tra ttanti

san Pietro solo j’abbastò la rete.

Tutti l’antri, si mmai nu lo sapete,

j’e ttoccato èsse dotti a ttutti quanti.
Io conosco un abbate che ttiè in testa

de finí Ppapa: ebbè, ssu li latini

ce suda nott’e ggiorno e inzin de festa.
E mmó studia li su’ Scisceroncini

pe imparà la ppiú ffàscile ch’è cquesta

de dí in latino: Alò, ppelle o cquadrini.

 

Aggiungi un commento