La Bbella Cenci


Testo tratto da Giggi Zanazzo, Tradizioni popolari romane, Roma, 1906.

Era chiamata la Bbella Cenci, pe’ la su’ gran bellezza. Infatti era la ppiù bbella zzitella de Roma. E ner mentre poteva esse la ppiù affortunata de tutte la regazze de quer tempo, perché era tanta ricca, era invece la ppiù ddisgrazziata, la ppiù infelice der mónno. Ciaveva er padre che era un bojaccia, ma un bojaccia tale, che era er teróre de la famija. Aveva cacciato li fiji maschi da casa e li faceva morì’ dde fame. A casa poi, sia co’ la moje che cco’ la fija, era un tiranno! Je faceva amancà’ er da magnà’, er da bbeve, er da vestì’, e l’ingariava in tutti li modi. Buggiarà’ nun fussi stato ricco, manco male; ma invece ciaveva li quatrini che je superaveno la testa; dunque, lo pòssino ammazzallo bbello che mmorto, lo faceva pe’ ccattiveria, perché era er primo zozzóne der mónno. E quela povera infelice de la fija mannava ggiù in santa pacènza e ssoffriva le pene de l’inferno. E ttutto sarebbe arimasto accusì, si cquer puzzone der padre se fusse contentato de trattà’ la famija la peggio monnèzza der mónno; ma cc’era de peggio.
Vedenno cresce in bellezza la Bbella Cenci, nu’ je prese (fa vvergogna a ddillo!), nu’ je prese e’ ramo, lo possino scannallo, de godésse la fija? E ’gni tanto cercava d’agguantalla in der tramentre stava sola a lletto, pe’ ffacce er commidaccio suo. Ve potete immagginà’ lo spavento de quela pôra ciorcinata! Nun ciaveva ppiù ’na góccia de sangue in de le vene. La madregna (ché la madre bbôna j’era morta da un pezzo) aveva da vede e ffa’ mmosca; si nno, amara lei!
Consijorno a la Bbella Cenci de fà’ un mormoriale ar papa d’allora, su li cattivi trattamenti de su’ padre; lei lo fece; ma avete avuto risposta voi che nu’ je l’avete fatto? Accusì llei. Intanto le persecuzione de quer puzzone der padre, de quer cannibbole, nun spicciaveno mai.
La cosa era ita puro a l’orecchia de’ regazzo de la Bbella Cenci; e vve potete immagginà’, ccome ce magnava l’ajo, e cche odio se sentiva in petto pe’ quer puzzone der padre. E li ferri s’ariscallorno ar punto che ddecise, la prima vorta che je capitava a ppóllo, de faje la pellaccia. I’mmodo che, quanno la Bbella Cenci la notte se chiudeva in de la su’ stanzia per annassene a ddormì’, e’ regazzo je faceva la guardia d’anniscosto, pe’ vvede si er Marco ciappizzava. E nun te dubbità’ che una notte vidde er padre mezzo ignudo, uscì’ quatto quatto da la su’ stanzia; lui je se messe a le tacche a le tacche, e lo vedde entrà’ in de la stanzia de la Bbella Cenci. Allora lui sguainò lo stòcco e, mmentre quer puzzóne scopriva la fija che ddormiva, je zzompò addosso, j’infirzò lo stòcco in de la schina e lo stese freddo accanto a’lletto de quela povera innocente. Poi la svejò e je fece:
– Finarmente me lo so’ llavorato! –
E j’insegnò er padre longo stecchito sur pavimento, in uno sguazzo de sangue. Ve potete immagginà’ lo spavento de la fija e dde la madre! Ma er córpo era fatto e nun c’era arimedio. Bisognava pensà’ a ssarvasse da la ggiustizia. Allora, llì ppe’ llì, tutti d’accordo, arzònno de’ péso er cadavere der morto e lo bbuttorno da una loggétta che ddava su la campagna, pe’ ffà’ vvede come si er mòrto se fusse bbuttato da la finestra. E’ regazzo de la Bbella Cenci, poi, pensò subbito a ppijà’ ll’erba fumaria a ll’èstro. E ttutto sarebbe ito a ffinì’ bbene si la Bbella Cenci fussi stata una poveretta; ma li quatrini che cciaveva furno la cavusa de’ la su’ rovina.
Defatti, er papa che cc’era allora, pensò de pijà’ quer protesto pe’ mannà’ ttutti li Cènci a mmorte, e de impossessàsse de tutti li bbeni che assommàveno a quarche ccentinaro e ccentinaro de mijara de scudi. Detto fatto, fu arestata la madregna, la Bbella Cenci e tutti li fratelli, je fu ffatto er processo e furno tutti condannati a mmorte e a èsse tenajati e squartati, infinenta un fratelluccio de la Bbella Cenci che nun ciaveva nemmanco dodici anni. Dice che quello che nun fece l’avvocato Farinacci pe’ ssarvà’ armanco quela povera fija, nun ve ne potete immagginà’! All’urtimo momento er papa se degnò (vvarda spregone!) a ffà’ la grazzia a’ regazzino cór patto che stasse sur parco a ggodésse tutta quela po’ po’ de carnificina fatta a la madre, a la sorella e a li fratelli, e ppoi se facessi castrà’ ccom’un gattino.
Dice ch’er giorno de la ggiustizia a Roma ce fu bburiana forte. Quanno comparì sur parco quela povera fija de la Bbella Cenci, successe un tumurto.
Mastro Titta dovette mette mano a la durlindana pe’ ssarvasse la pelle. Tutto er popolo voleva pe’ fforza sarvà’ la Bbella Cenci; e si nun fussino stati li sordati je sarebbe ariuscito. Ma fu ttutto inutile, perché ggiustizia fu ffatta; a quela pôra fija, pe’ ggrazia speciale, je fu sortanto tajata la testa. Dice che llei, prima de morì’, ffece sapé’ ar papa che ssi je sarvava la vita averebbe fatto rifà’ ttutto de nôvo, co’ la chiara de ll’ôva, Ponte Rotto. Ma er papa, ora sorda!, nun intese gnente; e ddoppo fatta la carnificina se scirpò ttutti li bbeni de la famija Cenci, e cciaricchì la su’ famija.
Dice che ffra la robba che ss’aranciò cc’era puro Villa Bborghese. Anzi la maggior parte de queli bbeni agnédeno a ffinì’ ttutti in mano de li prìncipi Bborghesi che èreno, nun so pe’ pparte de chi, pparenti der papa. E vvonno dì’ che l’eredi de la Bbella Cenci tutti l’anni mànneno una citazione a la famija Bborghese, p’ariavé li bbeni de loro. E dicheno puro che ’na vorta, a ’na gran festa da bballo che ddiede de carnovale una principessa Bborghese, una parente de la Cenci je s’appresentò in mezzo a la sala, tutta ammascherata da Bbella Cenci. E ddice che la principessa, che quela sera portava addosso tutte le ggioie de la famija Cenci, ner vedé’ quela mmaschera, se ne vienì’ mmeno da lo spavento, e nu’ je prese un accidente perché Ddio nun vòrse.
 

 

Aggiungi un commento