Belli



S.P.Q.R. – Il significato e le storpiature

SPQR sono le quattro lettere che figurano nello stemma ufficiale della città di Roma. Sono l’abbreviazione di Senatus PopolusQue Romanus e stanno ad indicare le massime autorità della città, il Senato e il Popolo. La sigla entrò in uso, con […]

Leggi l'articolo


A TTETA – Gioacchino Belli

Abbiamo pubblicato ormai un discreto numero di poesie del Belli, senza alcun dubbio uno dei poeti romani più celebri ed importanti. Nella produzione letteraria di Belli il posto di maggior rilievo rilievo è occupato sicuramente dai sonetti, ossia […]

Leggi l'articolo


A NNINA – Giuseppe Gioacchino Belli

Pubblichiamo un altro sonetto del Belli A NNINA. Il sonetto è del 7 settembre 1831. Le donne hanno sicuramente un ruolo di primo piano nella produzione poetica del Belli, entrano in molte delle sue poesie, in vari modi. Questo sonetto, come A TTETA […]

Leggi l'articolo


ER NEGOZZIANTE DE SPAGO – Sonetto del Belli

Pubblichiamo un sonetto del Belli del 1831, “Er negozziante de spago”. Si tratta di uno dei frequenti sonetti in cui il poeta di Roma scrive del Papa. Talvolta lo stile del poeta è più marcatamente ironico, se non comico, ad esempio in S.P.Q.R., […]

Leggi l'articolo


L’UPERTURA DER CONCRAVE – Gioacchino Belli

Tra i tanti sonetti del Belli esplicitamente polemici contro il Papa e la Chiesa romana, questo merita sicuramente una posizione di rilievo. A dire del grande poeta romanesco, l’alternarsi dei Papi sul soglio pontificio rappresenta un cambiamento […]

Leggi l'articolo


Belli – ER CIÀNCICO

Postiamo Er Ciancico, una di quelle poesie del Belli che potrebbe esser stata scritta ieri sera (invece è del 1830). “Ciancicare” è verbo che usiamo ancora oggi nel senso di masticare. Quasi scomparso invece nel senso di “mangiare a scrocco”, che […]

Leggi l'articolo


Belli – Er ricordo

Pubblichiamo “Er ricordo”, un sonetto del Belli su una impiccagione. Belli scrisse più di un sonetto sulla tematica, che è una parte drammatica della storia di Roma. L’impicaggione di cui si parla nel sonetto è quella di Antonio Camardella, […]

Leggi l'articolo


La peracottara – Sonetto del Belli

Pubblichiamo “La peracottara”, un sonetto scritto dal Belli nel 1830 e contenuto in “De peppe er tosto”. Si tratta di una fantasticheria sboccatamente erotica su una peracottara, una venditrice di pere al forno descritta dal Belli come “pasciocca”, […]

Leggi l'articolo



Gioacchino Belli – Er moro de Piazza-navona

Vedi llà cquela statua der Moro c’arivorta la panza a Ssant’aggnesa? Ebbè, una vorta una Siggnora ingresa la voleva dar Papa a ppeso d’oro. Ma er Zanto Padre e ttutto er conciastoro, sapenno che cquer marmoro, de spesa, costava piú […]

Leggi l'articolo


Belli – A la sora Teta che pijja marito

Questo sonetto ce lo presenta il Belli stesso: Questo e il seguente sonetto furono da me spediti a Milano al sig. Giacomo Moraglia mio amico il 29 dicembre 1827, onde da lui si leggessero per ischerzo nelle nozze del comune amico signor G. Longhi […]

Leggi l'articolo


Er mistiere indiffiscile – Gioachino Belli

Er mistiere indiffiscile Nun credessivo mai ch’er fasse prete,
 e ddiventà pprelato e annà ppiú avanti,
 sii faccenna da poveri iggnoranti
 e abbastino le store e le pianete. Va’ li Sommi Pontescifi: tra ttanti
 san Pietro […]

Leggi l'articolo


Belli – La Bbeata Chiara

La Bbeata Chiara Come se pò ddí ppeste de la fede,
 cuann’Iddio da li sette tabbernacoli 
sce manna tanti santi che ssò oracoli
 da fà ppuro dí ssí cchi nun ce crede? Presempio, a Mmonte-farco sce se vede
 un miracolo solo […]

Leggi l'articolo


Gioachino Belli – Er ventricolo

Er ventricolo Inzinent’a ssan Stefino-in-pescicolo 
sò vvienuti a attaccà li bbullettoni,
 dico de sto ca..accio de ventricolo
 che vorrebbe pijjacce pe ccojjoni. Lui bbutta avanti de parlà cor vicolo
 de li tozzi senz’arte […]

Leggi l'articolo


La morte de Madama Lettizzia – Belli

La morte de Madama Lettizzia A ttutta sta gginía de Napujjoni
 figurateve un po’ ccosa j’importa
 si cquela vecchia de la madre è mmorta:
 funerali de ggnocchi e mmaccaroni. Sce faranno un tantino li piaggnoni
 co lo […]

Leggi l'articolo


Belli – Er zìffete

Er zìffete Cuanto saría mejjo pe vvoi, sor tappo, 
d’ariscode le vostre e pportà via:
 o mommò li cojjoni io ve l’acchiappo 
pe llevamme ’na bbella fantasia. Che vvolete ggiucà che vve li strappo,
 e cce fo un fritto de […]

Leggi l'articolo


Gioachino Belli – La fanga de Roma

La fanga de Roma Questa? eh nnemmanco è ffanga. Pe vvedella 
s’ha d’annà a li sterrati a ppiazza Poli
 indov’abbito io; ché ssi nun voli 
ce trapassi in barchetta o in carrettella. Ce fussi armeno un po’ de […]

Leggi l'articolo


Er Monno sottosopra – Gioachino Belli

Er Monno sottosopra Dunque, quer che ffascéveno una vorta
 pe ffiume un venti e ppiú bbufole in fila, 
adesso lo fa er fume d’una pila, 
e ll’arte mó dder bufolaro è mmorta. Disce anzi che la ggente oggi s’è accorta 
che […]

Leggi l'articolo



Pagina 1 di 512345