Poesia e narrativa




Trilussa – Parla Maria la serva…

Parla Maria, la serva… I Pe’ cento lire ar mese che me dànno io je lavo, je stiro, je cucino, e scopo, e spiccio, e sporvero, e strufino che quanno ch’è la sera ciò l’affanno. Poi c’è er pranzo, le feste, er comprianno, e […]

Leggi l'articolo


Gioacchino Belli – L’incisciature

Sonetto del 1831. Che sscenufreggi, ssciupi, strusci e sciatti!
 Che ssonajjera d’inzeppate a ssecco!
 Iggni bbotta, peccrisse, annava ar lecco:
 Soffiamio tutt’e ddua come ddu’ gatti. L’occhi invetriti peggio de li […]

Leggi l'articolo


Trilussa – Fra cent’anni

Da qui a cent’anni, quanno ritroveranno ner zappà la terra li resti de li poveri sordati morti ammazzati in guerra, pensate un po’ che montarozzo d’ossa, che fricandò de teschi scapperà fòra da la terra smossa! Saranno eroi […]

Leggi l'articolo



Trilussa – La lucciola e Felicità

Due poesie di Trilussa tratte da Acqua e Vino: “La lucciola” e “Felicità”, una dell più famose. La lucciola La Luna piena minchionò la Lucciola: – Sarà l’effetto de l’economia, ma quel lume che porti è debboluccio… – Sì, – disse […]

Leggi l'articolo


Gioacchino Belli – Pio Ottavo

Sonetto del 1829 del Belli sul Pontefice Pio VIII. Che ffior de Papa creeno! Accidenti! 
Co rrispetto de lui pare er Cacamme. 
Bbella galanteria da tate e mmamme
 Pe ffà bbobo a li fijji impertinenti! Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè […]

Leggi l'articolo


Trilussa – Primavera – Acqua e vino

Primavera è una poesia del 1938, tratta Acqua e vino. Er sole che tramonta appoco appoco sparisce fra le nuvole de maggio gonfie de pioggia e cariche de foco: cento ricordi brilleno in un raggio, cento colori sfumeno in un gioco.   Sur […]

Leggi l'articolo


Ode a Roma – Erinna

Erinna di Lesbo è una poetessa greca. Il testo è stato tradotto da Luigi Ornato nel 1817. Donna dei prodi, salve, o tu di guerra Prole, cui cinge serto d’ôr la chioma, Emulatrice de l’Olimpo in terra, Possente […]

Leggi l'articolo


Trilussa – Pappagallo ermetico

Poesia di Carlo Alberto Salustri del 1937 contenuta in “Acqua e vino”. Pappagallo ermetico Un Pappagallo recitava Dante: “Pape Satan, pape Satan aleppe…”. Ammalappena (1) un critico lo seppe corse a sentillo e disse: – È […]

Leggi l'articolo


Belli – Mia vita – Terza parte

Belli – Mia vita Eccoti, o dilettissimo amico, il principio di un’altra angosciosa epoca della mia vita. Rimasto primo della mia stirpe, mi trovai privo di ogni mezzo di alimentarla. Nel corredo benché decente della nostra povera casa, […]

Leggi l'articolo


Belli – Mia vita – Seconda parte

Qualche tempo passò senza notizie di essi. Finalmente ne giunser poco soddisfacenti, partecipandoci insieme col salvo arrivo una molto minore facilità di vendite che ivi produsse la quantità immensa di carichi tratti in que’ luoghi da una […]

Leggi l'articolo


Belli – Mia vita – Prima parte

Filippo dolcissimo amico, Mi accingo a narrarti brevemente gli avvenimenti della mia vita: non mosso dalla stima o da un interesse o diletto che a te possa venire da simili vanità ma stimolato dal desiderio vivissimo di far passare sotto i tuoi […]

Leggi l'articolo



Pagina 10 di 10« Prima...678910