Poesia e narrativa



Trilussa – Favole – L’aquila

L’Aquila Trilussa, 1922 – Le favole L’ommini so’ le bestie più ambiziose, – disse l’acquila all’Omo – e tu lo sai; ma vièttene per aria e poi vedrai come si impiccioliscono le cose. Le vie, li palazzi e li castelli da lassù sai che […]

Leggi l'articolo


Trilussa – Favole – Er porco

Er Porco Trilussa, 1922 – Le favole Un vecchio Porco disse a certe Vacche: La vojo fa’ finita de fa’ ‘sta porca vita. Me vojo mette er fracche, le scarpe co’ lo scrocchio, un fiore, un vetro all’occhio, e annammene in città, indove c’è […]

Leggi l'articolo


Quo vadis – Nino Ilari

I A que li tempi lì che commannava
Nerone, un mastro Titta disumano,
assicùrete puro che un cristiano,
si nun era giudìo, lui nun campava. Perché, capischi?, lui che professava
la religgione d’ômo luterano,
si un poveraccio nun […]

Leggi l'articolo


La Bbella Cenci

Testo tratto da Giggi Zanazzo, Tradizioni popolari romane, Roma, 1906. Era chiamata la Bbella Cenci, pe’ la su’ gran bellezza. Infatti era la ppiù bbella zzitella de Roma. E ner mentre poteva esse la ppiù affortunata de tutte la regazze de […]

Leggi l'articolo





Trilussa – L’orloggio cor cuccù

Anche questa poesie di Trilussa è contenuta ne Le storie. È un orloggio de legno fatto con un congegno ch’ogni mezz’ora s’apre uno sportello e s’affaccia un ucello a fa’ cuccù. Lo tengo da trent’anni a capo al letto e m’aricordo che da […]

Leggi l'articolo


L’incontro de li sovrani – Trilussa

Poesia scritta nel dicembre 1908 e contenute in Le storie. Bandiere e banderole, penne e pennacchi ar vento, un luccichìo d’argento de bajonette ar sole, e in mezzo a le fanfare spara er cannone e pare che t’arimbombi dentro. Ched’è?1 […]

Leggi l'articolo


Trilussa – Per aria

Poesia di Trilussa del 1923 tratta da Le storie. Un Omo che volava in aroplano diceva fra de sé: – Pare impossibbile fin dove pô arivà l’ingegno umano! – Quanno s’intese di’: – Collega mio, quanti mil’anni avete faticato pe’ fa’ quer che […]

Leggi l'articolo



Gioacchino Belli – Er moro de Piazza-navona

Vedi llà cquela statua der Moro c’arivorta la panza a Ssant’aggnesa? Ebbè, una vorta una Siggnora ingresa la voleva dar Papa a ppeso d’oro. Ma er Zanto Padre e ttutto er conciastoro, sapenno che cquer marmoro, de spesa, costava piú […]

Leggi l'articolo


Belli – A la sora Teta che pijja marito

Questo sonetto ce lo presenta il Belli stesso: Questo e il seguente sonetto furono da me spediti a Milano al sig. Giacomo Moraglia mio amico il 29 dicembre 1827, onde da lui si leggessero per ischerzo nelle nozze del comune amico signor G. Longhi […]

Leggi l'articolo


Er mistiere indiffiscile – Gioachino Belli

Er mistiere indiffiscile Nun credessivo mai ch’er fasse prete,
 e ddiventà pprelato e annà ppiú avanti,
 sii faccenna da poveri iggnoranti
 e abbastino le store e le pianete. Va’ li Sommi Pontescifi: tra ttanti
 san Pietro […]

Leggi l'articolo


Belli – La Bbeata Chiara

La Bbeata Chiara Come se pò ddí ppeste de la fede,
 cuann’Iddio da li sette tabbernacoli 
sce manna tanti santi che ssò oracoli
 da fà ppuro dí ssí cchi nun ce crede? Presempio, a Mmonte-farco sce se vede
 un miracolo solo […]

Leggi l'articolo


Gioachino Belli – Er ventricolo

Er ventricolo Inzinent’a ssan Stefino-in-pescicolo 
sò vvienuti a attaccà li bbullettoni,
 dico de sto ca..accio de ventricolo
 che vorrebbe pijjacce pe ccojjoni. Lui bbutta avanti de parlà cor vicolo
 de li tozzi senz’arte […]

Leggi l'articolo


La morte de Madama Lettizzia – Belli

La morte de Madama Lettizzia A ttutta sta gginía de Napujjoni
 figurateve un po’ ccosa j’importa
 si cquela vecchia de la madre è mmorta:
 funerali de ggnocchi e mmaccaroni. Sce faranno un tantino li piaggnoni
 co lo […]

Leggi l'articolo


Belli – Er zìffete

Er zìffete Cuanto saría mejjo pe vvoi, sor tappo, 
d’ariscode le vostre e pportà via:
 o mommò li cojjoni io ve l’acchiappo 
pe llevamme ’na bbella fantasia. Che vvolete ggiucà che vve li strappo,
 e cce fo un fritto de […]

Leggi l'articolo



Pagina 4 di 10« Prima...23456...10...Ultima »