Poesia e narrativa

Er grillo zoppo – Trilussa

Questa poesia, “Er grillo zoppo”, è stata scritta da Trilussa nel 1932 e la potete trovare in Giove e le bestie. Ormai me reggo su ‘na cianca sola diceva un Grillo. – Quella che me manca m’arimase attaccata a la cappiola. Quanno m’accorsi […]

0
Read More

Trilussa – All’ombra

Un’altra poesia, molto breve, di Trilussa tratta da Giove e le bestie. Mentre me leggo er solito giornale spaparacchiato all’ombra d’un pajaro, vedo un porco e je dico. Addio, majale! vedo un ciuccio e je dico. Addio, somaro! Forse ste […]

0
Read More

Quo vadis – Nino Ilari

I A que li tempi lì che commannava
Nerone, un mastro Titta disumano,
assicùrete puro che un cristiano,
si nun era giudìo, lui nun campava. Perché, capischi?, lui che professava
la religgione d’ômo luterano,
si un poveraccio nun […]

0
Read More

La Bbella Cenci

Testo tratto da Giggi Zanazzo, Tradizioni popolari romane, Roma, 1906. Era chiamata la Bbella Cenci, pe’ la su’ gran bellezza. Infatti era la ppiù bbella zzitella de Roma. E ner mentre poteva esse la ppiù affortunata de tutte la regazze de […]

0
Read More

La Romanella – Aldo Fabrizi

Fabrizi ci racconta di una romanella che si può fare con la pasta avanzata 🙂 La romanella è anche un diffuso vino dei castelli molto diffuso nelle trattorie e fraschette di Roma. Qui sta però ad indicare un intervento economico e veloce, un po’ […]

0
Read More