Trilussa



Er salice piangente – Libro muto

Trilussa, Er salice piangente, tratta da Libro muto. – Che fatica sprecata ch’è la tua! – diceva er Fiume a un Salice Piangente che se piagneva l’animaccia sua – Perchè te struggi a ricordà un passato se tutto quer che fu nun è più […]

Leggi l'articolo


L’agnello infurbito

L’agnello infurbito di Trilussa, tratta da Libro muto. Una rielaborazione romanesca della celebre Il lupo e l’agnello. Un lupo che beveva in un ruscello vidde, dall’antra parte de la riva, l’immancabbile Agnello. -Perché nun venghi qui? […]

Leggi l'articolo



L’ingegno – Trilussa – Lupi e agnelli

L’Aquila disse ar Gatto: – Ormai so’ celebre. Cór nome e có la fama che ciò io me ne frego der monno: tutti l’ommini so’ ammiratori de l’ingegno mio! – Er Gatto je rispose: – Nu’ ne dubbito. Io, però, che frequento la cucina, te posso […]

Leggi l'articolo


Er grillo zoppo – Trilussa

Questa poesia, “Er grillo zoppo”, è stata scritta da Trilussa nel 1932 e la potete trovare in Giove e le bestie. Ormai me reggo su ‘na cianca sola diceva un Grillo. – Quella che me manca m’arimase attaccata a la cappiola. Quanno m’accorsi […]

Leggi l'articolo


Trilussa – All’ombra

Un’altra poesia, molto breve, di Trilussa tratta da Giove e le bestie. Mentre me leggo er solito giornale spaparacchiato all’ombra d’un pajaro, vedo un porco e je dico. Addio, majale! vedo un ciuccio e je dico. Addio, somaro! Forse ste […]

Leggi l'articolo




Trilussa – Favole – L’aquila

L’Aquila Trilussa, 1922 – Le favole L’ommini so’ le bestie più ambiziose, – disse l’acquila all’Omo – e tu lo sai; ma vièttene per aria e poi vedrai come si impiccioliscono le cose. Le vie, li palazzi e li castelli da lassù sai che […]

Leggi l'articolo


Trilussa – Favole – Er porco

Er Porco Trilussa, 1922 – Le favole Un vecchio Porco disse a certe Vacche: La vojo fa’ finita de fa’ ‘sta porca vita. Me vojo mette er fracche, le scarpe co’ lo scrocchio, un fiore, un vetro all’occhio, e annammene in città, indove c’è […]

Leggi l'articolo


Trilussa – L’orloggio cor cuccù

Anche questa poesie di Trilussa è contenuta ne Le storie. È un orloggio de legno fatto con un congegno ch’ogni mezz’ora s’apre uno sportello e s’affaccia un ucello a fa’ cuccù. Lo tengo da trent’anni a capo al letto e m’aricordo che da […]

Leggi l'articolo


L’incontro de li sovrani – Trilussa

Poesia scritta nel dicembre 1908 e contenute in Le storie. Bandiere e banderole, penne e pennacchi ar vento, un luccichìo d’argento de bajonette ar sole, e in mezzo a le fanfare spara er cannone e pare che t’arimbombi dentro. Ched’è?1 […]

Leggi l'articolo


Trilussa – Per aria

Poesia di Trilussa del 1923 tratta da Le storie. Un Omo che volava in aroplano diceva fra de sé: – Pare impossibbile fin dove pô arivà l’ingegno umano! – Quanno s’intese di’: – Collega mio, quanti mil’anni avete faticato pe’ fa’ quer che […]

Leggi l'articolo




Vita e opere di Trilussa

Trilussa è lo pseudonimo anagrammatico con cui è divenuto celebre il poeta romanesco Carlo Alberto Salustri (Roma 1871 – Roma 1950). E’ il terzo grande poeta romano comparso dall’ottocento in poi, dopo Belli e Pascarella. Opere La […]

Leggi l'articolo


Favole – Trilussa – Er porco e er somaro

Questa favola malinconica di Trilussa mette in luce una saggezza “filosofica” inutile che è, a mio modo di vedere, una delle caratteristiche che percorre Roma. Una coscienza dello scorrere del tempo della storia, del passare delle cose che diventa, […]

Leggi l'articolo




Pagina 1 di 212