Rintraccia i conti corrente dei tuoi creditori: scopri i servizi di Rintracciofacile.it

17 Settembre 2018 | Autore: | Pubblicato in Servizi
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle (Nessun voto, vota per primo!)
Loading...

rintraccio-facile

Rintracciare i conti corrente dei propri creditori è possibile attraverso strumenti investigativi sviluppati da aziende come Rintracciofacile.it sviluppato proprio per la gestione e il recupero dei crediti commerciali. Un valido supporto per imprese e professionisti che hanno necessità di un aiuto per non perdere denaro.

Sul web ovviamente sono molteplici i servizi offerti per rintracciare i debitori, il punto è che per procedere nel modo più idoneo è opportuno affidarsi a persone che possano tutelare e svolgere l’iter nel migliore dei modi, garantendo dunque risultati effettivi, puntuali nel pieno rispetto della legge.

Il rintraccio dei conti: perché viene utilizzare per il recupero crediti

Rintracciare i conti corrente è fondamentale ed è una metodica rapida e sicura che permette di recuperare il credito in tempi brevi. Si tratta di una modalità molto più celere rispetto ad esempio al pignoramento immobiliare che negli anni è divenuto sempre più complesso e difficoltoso dal momento che tratta di beni non direttamente aggredibili. Il pignoramento del conto corrente, sia esso di tipo bancario, online, postale, ha un effetto diretto e permette di recuperare subito il credito in quanto l’intero saldo presente sul conto è disponibile nei termini in cui è possibile recuperare l’importo. Una volta che il conto viene pignorato, il suo proprietario non può prelevare denaro, non può compiere alcun tipo di operazioni come bonifici né pagare domiciliazioni. Il conto quindi è bloccato, il pignoramento dura fino al ristoro del debito.

Per effettuare il pignoramento è necessario conoscere il CAB o l’ABI del conto in oggetto, ovvero l’istituto bancario e la filiale. Quando si avvia il procedimento anche i titoli, i fondi e gli altri depositi presso quella banca a nome di quella persona vengono pignorati e bloccati. Non è necessario l’IBAN ma per effettuare queste indagini bisogna rivolgersi ad uno specialista del settore come RintraccioFacile.it.

Perché è fondamentale affidarsi a professionisti del settore

Il creditore che vuole usufruire di questo servizio, rivolgendosi ad una società con Licenza, avrà un’indagine completa. In tempi brevi infatti sarà possibile avere le informazioni sui conti correnti ed eventuali intestatari. Grazie ad un diritto giuridicamente rilevante, il creditore può ricorrere a tale servizio, abbattendo tempi e costi da sostenere.

Conto corrente inattivo: cosa può accadere e come risolvere

Ovviamente è bene essere consapevoli del fatto che non tutti i conti correnti hanno poi effettivamente un deposito in denaro, potrebbero essere vuoti e quindi prelevare il residuo impossibile. Un’agenzia che possa investigare però rappresenta una sicurezza, ed è un servizio alternativo all’avvocato o alla società di recupero crediti. Laddove il conto rintracciato sia all’attivo la somma sarà immediatamente pignorabile per conto terzi, se la ricerca si rivelasse inutile con un conto inattivo o inesistente è necessario solo procedere con l’esecuzione immobiliare o mobiliare. In questo caso si procede al pignoramento della casa o di beni come l’auto o macchinari in caso si tratti di un’azienda.

La ricerca viene effettuata su tutto il territorio italiano e sarà possibile rintracciare ogni prodotto bancario di cui quel soggetto è titolare, il che garantisce uno spettro molto ampio e una buona riuscita. È raro che una persona non abbia fondi sul conto corrente, pertanto questo servizio di recupero crediti solitamente è fruttuoso ed efficace.

Article Source

Autore:

Questo autore ha pubblicato 218 articoli. Per maggiori informazioni potete visitare il suo profilo.

Lascia un commento