La miglior ditta a Roma per un Cablaggio Strutturato

30 Settembre 2020 | Autore: | Pubblicato in Aziende
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle (Nessun voto, vota per primo!)
Loading...

Se quello di cui hai bisogno è di ampliare la tua sicurezza in casa, in negozio oppure in azienda, allora la società Abicom è quello che più fa per te.

L’azienda Abicom srl, operante nel settore dei sistemi integrati di controllo e garanzia da ben oltre vent’anni, si classifica come la miglior ditta a Roma per un ottenere un cablaggio strutturato.

L’impresa vanta infatti una pluriennale esperienza e una qualificata professionalità nella consulenza e nella progettazioni di impianti di sicurezza sia nell’ambito industriale, bancario, commerciale che privato.

Non a caso ha realizzato molti sistemi di controllo moderni nella città di Roma, utilizzando soltanto materiali di ultima generazione.

Si occupa nello specifico di istallare e progettare sistemi di antincendio, di videosorveglianza, di allarme, controllo e accessi ma soprattutto dei cablaggi strutturati, ritenuti essere ormai fondamentali per poter usare contemporaneamente diverse reti locali.

Cosa sono i cablaggi strutturati?

Ad oggi negli edifici moderni utilizzati come uffici, si tende spesso a realizzare veri e propri impianti di cablaggio strutturato. L’obiettivo è proprio quello di supportare la realizzazione di molti e diversi tipi di reti locali nelle quali sono incluse anche la LAN e la rete telefonica.

Attraverso il cablaggio strutturato potrai così ottenere un sistema del tutto moderno, appositamente messo a punto per integrare gli apparati delle comunicazioni presenti come ad esempio gli impianti di sorveglianza, i terminali telefonici, le reti di calcolatori, l’apertura delle porte e il controllo degli accessi, all’interno di un singolo edificio.

L’insieme di tutto quello che concerne i componenti passivi quindi come prese terminali, cavi, armadi e connettori, rientra nel cablaggio strutturato e risulta essere necessario per poter realizzare a tutti gli effetti una rete informatica. I cavi nella maggior parte dei casi hanno una lunghezza massima di circa 90 metri ai quali possono essere aggiunti altri dieci metri per i cavi di permuta.

Il sistema di un cablaggio strutturato presenta un’architettura così detta stellare gerarchica e può anche disporre di appositi distributori di piani, distributori di comprensorio e distributori di edificio. Ogni singolo distributore, è formato da più armadi standard da 19 pollici, che possono contenere sia apparati attivi che permutatori passivi.

La postazione di lavoro viene servita da diversi cavi, posizionati più tubazioni o canalizzazioni. Tali cavi inoltre vengono attestati sia con prese telematiche istallate su apposite placche a pavimento o a muro sia con pannelli di permutazione situati dentro dei rack.

Una volta che il cavo di permuta viene collegato al calcolatore situato presso la presa a muro oppure ad un diverso apparato di rete, si viene a creare un collegamento elettrico per garantire un collegamento con il calcolatore della rete.

Grazie al cablaggio strutturato è possibile così ottenere una configurazione ottimale della sistemazione dei segnali dentro ad un edificio.

Proprio per questo la sua struttura risulta essere fondamentale per poter creare una rete informatica che consenta di utilizzare i vari servizi tecnologici per avere non soltanto la sicurezza ma anche il risparmio energetico in casa o nell’azienda.

Naturalmente per poter istallare correttamente il cablaggio occorre che tu ti affidi ad un’azienda seria e formata come Abicom srl. E’ importante infatti sottostare alle norme imposte a livello internazionale e seguire con precisione le prescrizioni, altrimenti potresti rischiare di non rispettare i requisti qualitativi e costruttivi dell’intero impianto.

Article Source

Autore:

Questo autore ha pubblicato 254 articoli. Per maggiori informazioni potete visitare il suo profilo.

Lascia un commento