Giuseppe Gioachino Belli – Er pijjamento d’Argèri


Nella primavera del 1830 non pioveva, con danno dell’agricoltura. Gli Anconitani, dando opera regia nel nuovo Teatro delle Muse dissero che la Senna e il Tamigi sarebbero fra poco venuti a rapire a quelle scene il tenore Giovanni David, che vi cantava per circa 3000 scudi. Quindi sonetto a li sori anconetani. Protettore d’Ancona.

25. Er pijjamento d’Argèri
(5 luglio 1830)

Quante sfrisielle a ttajjo e scappellotti!
Quante chicchere a coppia e sventoloni!
Quant’acciacco de chiappe e de cojjoni!
Quant’infirze de schiaffi e de cazzotti!

Poveri Turchi, come sò aridotti
co cquell’arifilate de gropponi!
Beato chi ppô avé ttra li carzoni
un fiasco d’ojjo e un bon caval che ttrotti!

Nun c’è da dí, ppe ssant’Antonio abbate:
li Francesi sò ggente che, Mmadonna!,
sò bboni pe l’inverno e ppe l’istate.

E mmo mmetteno in cima a ’na colonna
er Deo d’Argèri, che vva a ffasse frate,
o vviè a vvenne le pizze a la Ritonna.


  • […] il termine romanesco “ritonna” per riferirsi al Pantheon, ad esempio nel sonetto Er pijjamento d’Argeri, o nella poesia La ritonna, che dedica proprio al monumento. In questo sonetto Belli dà voce ad […]

 

Aggiungi un commento