Gioachino Belli – Er Cavajjere


Sonetto del Belli datato 18 marzo 1834.

1110. Er Cavajjere

 

La mi’ difficortà nnun sta ssur detto

«Omo a ccavallo sepportura uperta».

Questo ar monno lo sa ppuro Ciscetto
che pproverbio vò ddí rregola-scerta.
Intennevo sortanto ch’er giacchetto
diede seggno de mente poco asperta
ner riccontà che cquer polletroin Ghetto

bbuttò ggiú lo scozzone de Caserta.
Ecco le su’ parole vere vere:

«Er polletro llí ar Ghetto de la Rua 

fesce dà un crist’in terra ar cavajjere».
S’ha da ingozzà sta bbuggiarata sua?

Cavajjere a un scozzone de mestiere?

Che ccavajjere? er cavajjer dell’ua?

 

Aggiungi un commento