Li scortichini – Gioachino Belli


Un altro sonetto di Gioachino Belli scritto a Roma il 29 dicembre 1832.

 

688. Li scortichini
Vojantri sete ggente c’a sto Monno

ce sta in celi scelòrimi e ppiú ppeggio.

Nò, ar primo sò ccurriali de Colleggio:

cuelli de Rota viengheno ar ziconno:
l’Innoscenziani ar terzo; e cquesti ponno

piú dell’antri fà stragge e sscenufreggio;

sibbè cc’abbino tutti er privileggio

de sporverà la bborza de chi vvonno.
Cqua, vvieniteme appresso ar tribbunale,

crape che nun capite un accidente,

e gguardate che cc’è ssu ppe le scale.
Li vedete cuer boia e cquer paziente?

Lo sapete chi ssò? Cquello è un curiale

che scortica la pelle d’un criente.

 

Aggiungi un commento