Belli – L’affare der fritto


801. L’affare der fritto

Ho dda ricurre? a cchi? ffámme er zervizzio,

dimme a cchi, si cqua è ttutta una corona!
Ho dda ricurre! Cuanto sei cojjona!

Me voressi mannamme in priscipizzio?
Sto ladro è una bbravissima perzona,

un bon ciarvello, un omo de ggiudizzio,

che gguarda sempre addosso a Ccaglio e Ttizzio,

eppoi curre ar Governo e sse spassiona.
Governatore e spie sò 11 ttutt’un ballo:

sò ccome li bbatocchi e le campane:

sò la favola tua der cescio e ’r gallo.
Cane, sorella mia, nun maggna cane.

Duncue, è mmejjo a stà zzitti, e dde lassallo

fà er zu’ mestiere e gguadaggnasse er pane.

 

Aggiungi un commento