Er tempo bbono – Gioachino Belli


850. Er tempo bbono
Ah, nnun è ggnente: è un nuvolo che ppassa.

Eppoi nun zenti che nnun scotta er zole?
Eppoi, come a mmé er callo nun me dole

nun piove scerto. Ah, è una ggiornata grassa.
Mentre portavo a ccasa le bbrasciole,

c’era una nebbia in celo bbassa bbassa…

Lo sai, la nebbia come trova lassa:

nun pole piove, via, propio nun pole.
Lo capimo da noi, sora ggialloffia,

che cquanno è ttempo rosso a la calata,

ne la matina appresso o ppiove o ssoffia.
Io nun vedde però nne la serata

le stelle fitte: duncue, ar piú, bbazzoffia

pol’èsse oggi, ma nnò bbrutta ggiornata.

 

Aggiungi un commento