Zi’ Checca ar nipote ammojjato – Belli


72. Zi’ Checca ar nipote ammojjato

Dico ’na cosa che nnun è bbuscía…

Tu vvedi che ttu’ fijjo è grann’e ggrosso,

e nnu jje metti ggnisun’arte addosso?

Ma ssi ttu mmori che ha da fà? la spia?
Nun c’è antro che ggioco, arme, ostaria,

donne, sicario 1… e nnun z’abbusca un grosso!

Ah! un giorno o ll’antro ha da cascà in d’un fosso

da fatte piaggne; e tte lo disce zia.
Sempre compaggni! e cche schiume, fratello!

Puh, llibberàmus domminé! Ll’abbrei

sò ppiú ccristiani e cciànno ppiú cciarvello.
Pe ’ggni cantone ne tiè ccinqu’o ssei:

vedi che scôla! Come disce quello?

Di’ ccon chì vvai, e tte dirò cchi ssei.

 

Aggiungi un commento