Belli – Un miracolo grosso


83. Un miracolo grosso
Pijjate un grancio: er fatto der dragone

nun fu un ca..o a Ssan Chirico e Ggiuditta.

Ditelo a mmé, cche mme l’ha ddetto Titta

che jje l’ha ddetto Bbonziggnor Ciardone!
Voi ’ntennete de quer che ssan Leone,

doppo avé lletto un po’ de carta scritta,

lo portò ccor detino de mandritta

a spasso a spasso com’un can barbone?
Manco male! Ebbè, er fatto, sor Felisce

mia, fu assuccesso ggiù a Campo Vaccino

sott’a Ssanta Maria l’imperatrisce.
Cosa sa ffà la fede! Un cordoncino

regge un dragone, che er barbiere disce

nun potería legà mmanco un cudino.

 

Aggiungi un commento