Li culi – Gioachino Belli


116. Li culi
Hai visto er mappamonno de l’ostessa?

Búggerela, pezzío!, che vviscinato!

Si cquella se fa mmonica, sagrato,

zompa de posta a ddiventà bbadessa!
Tentela, Cristo!: e, servo de pilato,

si nun m’inchiricozzo pe ddí mmessa

e cconfessà sta madre bbattifessa,

pozzi trovà ’ggni bbuscio siggillato.
Ma chi ssà cche vvertecchio s’aridusce,

si ppoi sce levi quarche imbrojjo attorno?

Nun è ttutt’oro quello c’arilusce.
Ne so ttant’antre, che, all’arzà, bbon giorno!:

ma in cammio scianno poi scime de bbusce,

da fà ccrepà pe l’invidiaccia un forno.

 

Aggiungi un commento