Belli – Una disgrazzia


159. Una disgrazzia

Stammatina a San Neo Luca er facocchio

s’è arrisicato a sentí mmessa accanto

a cquer ladraccio d’usuraro santo,

che cquanno schiatta hai da sentí lo scrocchio!
Ecchete a l’improviso a sto santocchio,

ch’è ccatarroso a nun poté dì cquanto,

j’incomincia la tossa, e, in tossì tanto,

bloà, schizza a Luca un’ostrica in un occhio.
Luca che vvede er lampo e sente er botto

tutt’in un corpo assieme co l’impiastro,

attaccato un perdio je se fa ssotto.
E, ssi nun era quer portapollastro

der chirico, coll’ojjo der cazzotto

metteva er boccio in un gran brutto incastro.

 

Aggiungi un commento