Belli – Er marito ammalato


266. Er marito ammalato

Avevo inteso da che mmonno è mmonno

ch’er piú ppeggio che ffussi era la morte,

e cche dde dua c’aspettano sta sorte

un’e ll’antro vorebb’esse er ziconno.
Ma ttu cc’hai sempre st’ideacce storte,

mannaggia la nepote de tu’ nonno!,

dichi mo che sta mmejjo chi vva a ffonno,

ché ’r penà de chi rresta è ttroppo forte.
E mme vôi fà pparé ddorce st’agresta

oggi che la salute me se sfraggne!

Tristo chi mmore e bbuggiarà cchi resta.
Ebbè, píjjete tu le mi’ magaggne,

e ppe llevatte sti grilli da testa

vatt’a ffà bbuggiarà, cch’io resto a ppiaggne.

 

Aggiungi un commento