Gioachino Belli – Er grosso dell’incoronazzione


313. Er grosso dell’incoronazzione

Duncue lo vôi sentì si pperché ttosso?

Perché dd’avanti all’arba inzin’a mmone

sò stato a bbervedé lì de piantone

iggnud’e ccrudo e cco la guazza addosso.
Eppoi quann’è stat’ora de dà er grosso

cianno uperto un spirajjo de portone

pe infilacce un’a uno ar cortilone,

come se fa a l’agnelli er zegno rosso.
Ladri futtuti! a mmé mmezzo grossetto

m’hanno dato a lo sbocco der cortile,

e a cquarche ddonna poi fino un papetto.
E ar vortà li cartocci in ner bascile,

se tienevano er fonno immano stretto

rubbanno un cuartarolo oggni bbarile.

 

Aggiungi un commento