Gioachino Belli – Er beccamorto


Er beccamorto

Tu ccapischi cor culo, abbi pascenza:

nun dico questo, ch’averebbe torto.

Bell’e bbono è er mestier der beccamorto
quanno Iddio vò mmannà la providenza.
Io dico, e sto discorzo è una sentenza,

che cquanno er tempo de l’istate è scorto,

sò spicciati li cavoli pell’orto,

e ssi ppoi vôi maggnà mmagni a ccredenza.
Sta Roma è un paesaccio mmaledetto

dove l’inverno nun ce more un cane,

e tte se tarla puro er cataletto.
Oh vvedi pe abbuscà un boccon de pane

quanto s’ha da pregà Ddio bbenedetto

perché illumini medichi e mmammane!

 

Aggiungi un commento