A compar Dimenico – Sonetto di Gioacchino Belli


Me so ffatto, compare, una regazza
bianca e roscia, chiapputa e bbadialona (squisita, impareggiabile)
co ’na faccia de matta bbuggiarona,
e ddu’ brocche, pe ddio, che cce se sguazza.

Si la vedessi cuanno bballa in piazza,
cuanno canta in farzetto, e cquanno sona,
diressi: «Ma de che? mmanco Didona,
che squajjava le perle in de la tazza».

Si ttu cce vôi viení dda bbon fratello
te sce porto cor fedigo (fegato) e ’r pormone;
ma abbadamo a l’affare de l’uscello.

Perché si ccaso sce vôi fà er bruttone,
do dde guanto (afferro) a ddu’ fronne (due fronde, un po’) de cortello
e tte manno a Ppalazzo pe cappone (a cantare da castrato alla cappella pontificia).

14 febbraio 1830 – De Peppe er tosto – G.G.B. 

 

Aggiungi un commento