Fabrizi ci racconta di una romanella che si può fare con la pasta avanzata 🙂
La romanella è anche un diffuso vino dei castelli molto diffuso nelle trattorie e fraschette di Roma. Qui sta però ad indicare un intervento economico e veloce, un po’ alla buona…

I

Mì nonna, benedetta indó riposa,
se comportava come ‘na formica
e puro si avanzava ‘na mollica
l’utilizzava per un’antra cosa.

Perciò er dovere primo d’ogni sposa,
pure che costa un’oncia de fatica,
è d’esse sempre, a la maniera antica,
risparmiatrice, pratica e ingegnosa.

Si avanza un po’ de pasta, mai buttalla:
se sarta co’ un po’ d’acqua solamente,
pe’ falla abbruscolì senz’abbrucialla.

E la riuscita de ‘sta Romanella
che fa faville e che nun costa gnente
dipenne da ‘na semplice padella.

II

Mò l’urtima invenzione è ‘na padella,
che quello che se còce poi se stacca,
mastice, colla, pece e ceralacca,
se rivorteno come ‘na frittella.

‘Sta novitĂ  sarĂ  ‘na cosa bella,
ma dato che la Pasta nun attacca
in pratica sarebbe ‘na patacca
perchĂ© dev’esse mezz’abbruscatella.

Vedete, er gusto nun dipenne mica
dar fatto che diventa piĂą odorosa,
ma dar sapore de padella antica.

E detto questo, porca la miseria,
fò a meno de la chiusa spiritosa,
perchĂ© ‘sto piatto qui è ‘na cosa seria!