Poesia e narrativa



Gioachino Belli – La fanga de Roma

La fanga de Roma Questa? eh nnemmanco è ffanga. Pe vvedella 
s’ha d’annà a li sterrati a ppiazza Poli
 indov’abbito io; ché ssi nun voli 
ce trapassi in barchetta o in carrettella. Ce fussi armeno un po’ de […]

Leggi l'articolo


Er Monno sottosopra – Gioachino Belli

Er Monno sottosopra Dunque, quer che ffascéveno una vorta
 pe ffiume un venti e ppiú bbufole in fila, 
adesso lo fa er fume d’una pila, 
e ll’arte mó dder bufolaro è mmorta. Disce anzi che la ggente oggi s’è accorta 
che […]

Leggi l'articolo


A li ggiacubbini – Belli

A li ggiacubbini Giacubbini somari, state in tono,
 ché ddoppo er zole pò vviení er tempaccio. 
Nun ve fidate tanto de cuer braccio
 der Papa che vve dà ssempre er perdono. Nun dite: «Er Zanto-Padre è un omo bbono»: 
bbon […]

Leggi l'articolo


Gioachino Belli – L’istesso

L’istesso Letto l’editto, oggn’angelo ribbelle 
vorze caccià lo stocco, e ffasse avanti;
 ma Ssan Micchele bbuttò vvia li guanti, 
e ccominciò a sparà lle zzaganelle. L’angeli allora, coll’ale de pelle,
 corna, uggne, […]

Leggi l'articolo


Belli – Er letteroso

Er letteroso Io poi nun faccio er zuperbioso, e cquanno 
m’incontro ar Monno a nnun zapé lle cose,
 ricurro da le ggente talentose, 
e ssu ddu’ piedi, aló, jje le dimanno. Diteme un po’, ccom’imparai l’antr’anno 
a ffà […]

Leggi l'articolo


Li posti – Belli

Li posti Li culi sò un pell’antro e vvanno a ccoppia 
un grasso e un magro, come li capponi.
 Ne viè uno, e li bbusci je sò bboni:
 ne viè un antro, e cce vò ppietanza doppia. Vedi ch’idea de fà sta filastroppia de scatolette […]

Leggi l'articolo


L’abbichino de le donne – Gioachino Belli

L’abbichino de le donne La donna, inzino ar venti, si è ccontenta
 mamma, l’anni che ttiè ssempre li canta:
 ne cressce uno oggni scinque inzino ar trenta, 
eppoi se ferma llí ssino a cquaranta. Dar quarantuno impoi stenta e […]

Leggi l'articolo


L’incrinnazzione – Belli

L’incrinnazzione Sèntime: doppo er Papa e ddoppo Iddio 
cquer che mme sta ppiú a ccore, Antonio, è er pelo: 
per cquesto cquà nun so nnegatte ch’io
 rinegheria la lusce der Vangelo. E ssi dde donne, corpo d’un […]

Leggi l'articolo


Belli – La vita de le donne

La vita de le donne La donna appena arriva ar rifriggerio
 de godé li bbimestri o er bonifiscio,
 incomincia a ccapí che ccos’è ciscio e pprincipia a ppeccà dde disiderio: po’ appena è bbona de sonà er zarterio 
e dde fà […]

Leggi l'articolo


Belli – Er terramoto de venardí

Er terramoto de venardí Rimonno ha scritto da Fuligno ar nonno 
c’un trave che ccascò dar primo piano,
 mentre lui stava a ppranzo in ner siconno 
l’acchiappò in testa e jje stroncò le mano. E sseguita la lettra de […]

Leggi l'articolo



Er teatro Pasce – Belli

Er teatro Pasce Giuveddí cc’è a la Pasce, e ggià sta ffori
 sur Cartellone accost’ar butteghino,
 La gran battajja der gran Re de mori 
fatta dar gran Orlanno Palattino, Co Ppurcinella finto spadaccino 
e ddisperato tra li […]

Leggi l'articolo


Gioachino Belli – Er beccamorto

Er beccamorto Tu ccapischi cor culo, abbi pascenza:
 nun dico questo, ch’averebbe torto.
 Bell’e bbono è er mestier der beccamorto quanno Iddio vò mmannà la providenza. Io dico, e sto discorzo è una sentenza, 
che cquanno er […]

Leggi l'articolo


Belli – L’amichi all’osteria

L’amichi all’osteria «Hai raggione per Dio! nun zò ccattive 
ste sciriole». «E tte piasce er marinato?». 
«Me tiro un antro pezzo de stufato.
 Maggnete st’ova che ssò ffresche vive». «Pe mmé, cquanno ho ppijjato antre […]

Leggi l'articolo


L’appiggionante nova – Belli

567. L’appiggionante nova Guardela, Tota, a cquel’ochiaccio ardito,
 guardela a cquer ceffaccio de bbiscotto,
 guardela a cquer cacciasse in ogni sito,
 e ddamme torto poi quanno bbarbotto. Nun zò ddu’ mesi c’abbita cqui […]

Leggi l'articolo


Gioachino Belli – Un Papa antico

525. Un Papa antico C’è stato un certo Papa san Grigorio 
che ssapeva parlà rrosso e tturchino, 
che cconosceva ogni sorte de vino,
 e cquant’anime stanno in purgatorio. Distingueva chi aveva er zostenzorio, 
l’ova cor […]

Leggi l'articolo


Belli – La sscerta

468. La sscerta Sta accusí. La padrona cor padrone,
 volenno marità la padroncina 
je portonno davanti una matina,
 pe sscejje, du’ bbravissime perzone. Un de li dua aveva una ventina 
d’anni, e ddu’ spalle peggio de […]

Leggi l'articolo


L’Anno-santo – Gioachino Belli

423. L’Anno-santo Arfine, grazziaddio, semo arrivati 
all’anno-santo! Alegramente, Meo: er Papa ha spubbricato er giubbileo
 pe ttutti li cristiani bbattezzati. Bbeato in tutto st’anno chi ha ppeccati,
 ché a la cuscenza nun […]

Leggi l'articolo



Pagina 5 di 10« Prima...34567...10...Ultima »