Gioachino Belli – Ar zor come-se-chiama


Sonetto di Gioachino Belli scritto in data 19 maggio 1842.

1995. Ar zor come-se-chiama

Disce che vvoi, c’a cquella pascioccona

state in prescinto d’infilà ll’anello,

sete bbono in zur gusto d’un aggnello

e bbello com’un angiolo in perzona.
Ma avete una gran zorte bbuggiarona,

pe la raggione che ssi Iddio, fratello,

v’ha ffatto accusí bbono e accusí bbello,

lei puro è bbella bbella e bbona bbona.
Pe sta vostra bbellezza e bbontà ddoppia

quanno ve vederanno avanti ar prete

tutta la ggente strillerà: «Cche ccoppia!».
Io solo ho da rimane co la sete

de vedevve ché er diavolo me stroppia

e mme tiè a Rroma a cciancicà ssegrete!

 

Aggiungi un commento