Belli – Er terramoto de venardí


Er terramoto de venardí

Rimonno ha scritto da Fuligno ar nonno

c’un trave che ccascò dar primo piano,

mentre lui stava a ppranzo in ner siconno

l’acchiappò in testa e jje stroncò le mano.
E sseguita la lettra de Rimonno

che nun c’è bbarba-d’omo de cristiano

che ss’aricordi da che mmonno è mmonno

un antro terramoto meno piano.
E ddisce ch’è un miracolo chi ccampi,

perché la scossa venne a l’improviso

peggio de cuer che viengheno li lampi.
E mmó, pe nnun fà er fine de li sorci,

e nnun annà, ddio guardi, in paradiso,

stanno tutti in campagna com’e pporci.

 

Aggiungi un commento