Barcarolo romano


Barcarolo romano è una canzone del 1926, scritta da Pio Pizzicaria e Romolo Balzani. Entrata rapidamente nel repertorio “classico” delle canzoni romanesche, è ancora oggi una delle più conosciute in Italia. Merito anche delle numerose interpretazioni…L’hanno cantata Gabriella Ferri, Alvaro Amici, Lando Fiorini, Claudio Villa e Gigi Proietti.
Romolo Balzani (1892-1962), uno dei due autori, meriterà sicuramente articolo un articolo a parte. Attore e cantautore ha scritto almeno un’altra canzone, L’eco der Core, rimasta nel repertorio classico delle canzoni romane.
E’ una canzone drammatica che racconta del suicidio di una donna, Ninetta, nel Tevere. Un brano che tira fuori un’idea diversa di Roma rispetto a quella magari malinconica, ma sempre un po’ scanzonata di molte altre canzoni romane presenti in questa categoria.
Il Tevere continua a scorrere, nonostante il dramma, partecipando ad esso…

Ecco un’interpretazione del brano di Gigi Proietti e sotto, il testo della canzone:

Testo di Barcarolo romano

Quanta pena stasera…
c’e’ sur fiume che fiotta cosi’
disgraziato chi sogna e chi spera
tutti ar monno dovemo soffri’
Si’ c’e’ n’anima che cerca la pace
po’ trovalla sortanto che qui…

Er barcarolo va contro corente
e quanno canta l’eco s’arisente
si’ e’ vero fiume che tu dai la pace

Fiume affatato e fammela trovà…
Piu’ d’un anno e’ passato
da quel giorno ch’io dissi: “A Nine’..
quest’amore e’ ormai tramontato
lei rispose: “Lo vedo da me…”
Sospiro’, poi me disse: “addio core…
Ce lo sai nun me scordo de te!”

Je corsi appresso ma nun l’arivai
la cerco ancora e nun la trovo mai
si e’ vero fiume che tu dai la pace
me so’ pentito fammela trova’…

Proprio incontro ar battello
vedo l’ombra sull’acqua vien qua
Poi se gira ce fa er mulinello
poi va’ riaffonna e riassomma piu’n la
su corete e’ na donna affogata
poveraccia penava…chissa!?
La luna da lissu’ fa’ capoccella
rischiara er viso de Ninetta bella
cercava pace e io je l’ho negata
fiume boiaccia je l’hai data tu!!


  • parole e melodia che vanno diritte al cuore tanto più ricordando quando la cantava mio padre…. figlio della sorella di Pio Pizzicaria

 

Aggiungi un commento